Il nostro impegno per salute e sicurezza

Ci sta a cuore la salute delle persone: è una delle ragioni d’essere della nostra attività imprenditoriale e uno dei nostri principali ambiti di intervento sociale.

Ci impegniamo a sensibilizzare ed educare nel campo della sostenibilità, dell’invecchiamento della popolazione, della prevenzione di malattie e dipendenze, della salute materna e neonatale, dell’adozione di stili di vita salutari, comprendendo in quest’ambito anche iniziative sportive dilettantistiche.

Sosteniamo la ricerca scientifica in campo medico, con particolare riferimento alle malattie degenerative.

Sul fronte della sicurezza, ci focalizziamo anche su progetti per migliorare la protezione sulle strade.

Verso una società dove le generazioni si incontrano

In Germania, attraverso Generali Zukunftsfonds (Fondo Generali per il futuro), costituito nel 2008 per affrontare il tema del cambiamento demografico, vengono supportati progetti e iniziative che hanno lo scopo di contrastare le conseguenze dell’invecchiamento della popolazione, valorizzando le risorse degli anziani, le loro competenze, il loro tempo.

Generali Zukunftsfonds

Il Fondo punta ad essere un agente del cambiamento, promuovendo l’impegno civile e fungendo da intermediario tra imprese, Istituzioni e organizzazioni sociali, soprattutto per lo scambio di informazioni e la creazione di network, con l’obiettivo di investire in innovazioni sociali che possano fungere da modello per il sistema Paese. In particolare, negli ultimi anni la strategia di sponsorizzazione del Zukunftsfonds ha puntato a creare infrastrutture per professionalizzare, dare stabilità e aumentare la capacità del volontariato ad alto potenziale. Per aumentarne l’impatto collettivo, di norma le sponsorizzazioni vengono concesse in abbinamento a quelle di altre imprese, fondazioni o Istituzioni pubbliche.

Tra le organizzazioni in cui il Zukunftsfonds ha investito si distingue Generationenbrücke Deutschland (Ponte fra le Generazioni Germania) di Aquisgrana, recentemente diffusasi anche in altre zone del Paese, che promuove attività che coinvolgono le generazioni più giovani nella cura degli anziani. L’ente si occupa di organizzare visite alle case di riposo da parte di bambini, ai quali viene precedentemente fornita un’adeguata preparazione, e gli incontri tra due generazioni così distanti diventano esperienza di crescita, consapevolezza e assunzione di responsabilità.

Le stesse case di riposo migliorano induttivamente i propri servizi offerti e migliora la percezione del pubblico nei loro confronti, poiché le attività rientrano ormai nella routine della vita quotidiana dei giovani e degli anziani.

Tutta l’attività svolta da Generationenbrücke Deutschland è caratterizzata da elevati standard di qualità ed efficienza, che prevedono l’applicazione di metodologie di business management.

Helfen Hilft Gemeinsam stark

Sotto il motto Helfen hilft - Gemeinsam stark (aiutare aiuta - insieme siamo più forti), dal 2010 vengono realizzate iniziative di volontariato d’azienda proposte dagli stessi dipendenti, che il Fondo finanzia per un massimo di 750 euro per progetto. Ogni anno, fra agosto e ottobre, si svolgono le giornate del volontariato che finora hanno coinvolto 1.850 dipendenti delle compagnie del Gruppo in Germania. Nel 2014 sono stati realizzati in questo ambito circa 25 progetti ai quali hanno partecipato 260 dipendenti. In linea con la mission del Fondo, i progetti devono riguardare tematiche relative al cambiamento demografico e prevedere il coinvolgimento degli ultracinquantacinquenni.

Nella ricerca di innovazione sociale rivolta in particolare alla valorizzazione delle classi di età più anziane e all’identificazione dei loro bisogni, il Zukunftsfonds attribuisce grande importanza alla disponibilità di dati aggiornati sulla popolazione di riferimento. Per questo motivo, nel 2012, insieme ad Allensbach, il principale istituto demoscopico della Germania, il Fondo ha realizzato il primo sondaggio sullo stile di vita della generazione di età compresa tra 65 e 85 anni. In particolare, i dati relativi al rapporto con le attività di volontariato delineano che:

Anziani e volontariato

Le ricerche hanno evidenziato quindi una nuova prospettiva su una classe demografica che si presenta come preziosa risorsa attiva per la società.

Nel 2014 la continuazione di questa ricerca, Generali Hochaltrigenstudie, condotta in collaborazione con l’Institut für Gerontologie dell’Università di Heidelberg, si è posta l’obiettivo di identificare le problematiche e le potenzialità di partecipazione civile degli anziani tra gli 85 e i 99 anni attraverso 400 interviste dirette. Anche in questo caso i risultati evidenziano un rilevante potenziale sociale:

Interviste dirette

Revert, o del sogno di vincere la SLA

Pazienti in sperimentazioneAlcuni ambiti della medicina moderna hanno raggiunto livelli di sviluppo straordinario, e il loro impatto sulle scelte di welfare degli stati e sulle strutture demografiche è sempre più alto. Concetti come invecchiamento, longevità, aspettative di vita, benessere diffuso e sostenibile, sono ormai entrati nelle agende e nei dibattiti dei policy makers, e stanno diventando fattori essenziali per determinare il successo o meno delle scelte strategiche di lungo periodo delle nazioni. In questo fondale, esiste un settore scientifico particolarmente importante e delicato, che si posiziona alla frontiera della conoscenza medica - implicando quel giusto grado di avventurosa visionarietà che rende la scienza così affascinante - ed è quello della ricerca sulle cellule staminali.
Un campo che rappresenta meglio di altri il sogno e la tensione umana per un mondo senza malattie.

In questo ambito sta proseguendo la collaborazione di Generali con Revert, una delle più importanti realtà internazionali impegnate a supportare la ricerca scientifica sulle malattie neurodegenerative, a cominciare dalla Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA), malattia per la quale attualmente non esiste una cura. Guidata dal professor Angelo Vescovi, pioniere riconosciuto a livello mondiale per i suoi studi sulle cellule staminali, Revert opera in un settore le cui ricadute sociali sono e saranno enormi: si calcola che nel 2010 il costo totale delle malattie neurologiche è stato pari a 798 miliardi di dollari (60% di costi diretti, 40% di perdita di produttività).

Il sostegno di Generali, su base triennale, ha favorito un’importante accelerazione nei processi di sperimentazione: in particolare, Revert sta portando a termine la prima fase di sperimentazione su un primo nucleo di 18 pazienti affetti da Sclerosi Laterale Amiotrofica, attraverso il trapianto di cellule staminali cerebrali nel midollo spinale, per contrastare gli effetti degenerativi.

La sperimentazione si completerà nel maggio del 2015, e prevede la consegna dei risultati clinici agli organi di controllo italiani per la valutazione complessiva, con l’obiettivo di iniziare la seconda fase di sperimentazione coinvolgendo un gruppo di 60-80 pazienti.
Questa fase, estremamente importante e delicata, vedrà l’applicazione dei risultati terapeutici conseguiti finora, e dimostratisi al momento promettenti.
SLAIl report scientifico di questa sperimentazione sarà pubblicato sotto forma di articolo peer reviewed sul Journal of Translational Medicine, tra le più importanti pubblicazioni del settore.

Nel frattempo, i ricercatori di Revert hanno dato il via al processo per iniziare la sperimentazione su pazienti affetti da sclerosi multipla, un’altra malattia neurodegenerativa debilitante e drammaticamente comune: i primi test su pazienti dovrebbero iniziare entro il 2015 o all’inizio del 2016.

Mela e limone

In Slovacchia, Generali ha effettuato una campagna di educazione alla sicurezza del traffico e di sensibilizzazione sui temi dell’eccesso di velocità e l’abuso di alcolici, in collaborazione con la Polizia Nazionale.

La polizia ha organizzato per una settimana una rete di controlli sulle strade, alla presenza di studenti, insegnanti, e agenti di società del Gruppo Generali. Agli automobilisti controllati veniva consegnato un frutto, una mela o un limone, nel caso rispettivamente di guida virtuosa o violazione del Codice della Strada.

Veniva inoltre consegnato un disegno del frutto realizzato dagli studenti e un profumo alla mela per auto nel primo caso, un opuscolo informativo sulla sicurezza nel secondo (oltre ovviamente alle sanzioni previste).

I conducenti intervistati dopo i controlli hanno dichiarato di apprezzare l’iniziativa e soprattutto l’interazione con i giovani studenti.

Campagna di educazione alla sicurezza del traffico

Gentleman della strada

In Repubblica Ceca, il progetto Gentleman silnick (Gentleman della strada), anch’esso realizzato in collaborazione con la Polizia di Stato, si pone l’obiettivo di responsabilizzare conducenti e pedoni di fronte all’evento di un incidente stradale. Ogni anno l’iniziativa assegna un premio e un certificato di merito a chi (gentleman della strada), in occasione di un incidente stradale, è intervenuto per cercare di prestare aiuto alle persone coinvolte.

Gentleman della strada

A supporto dell’iniziativa è stato creato un sito web dove è possibile votare il Gentleman della strada e dove sono presenti informazioni sui comportamenti da tenere in caso di incidenti stradali, oltre ad un video educational diffuso anche sul canale YouTube.

Charte du Sport Responsable

Dal 2010, anno di lancio della Carta dello Sport Responsabile, Generali France promuove attivamente la cultura della sostenibilità in ambito sportivo. Si tratta di un’iniziativa di ampio respiro che copre in realtà diversi aspetti di interesse per Generali: l’inclusione sociale, le pari opportunità, la tutela della salute, la prevenzione dei rischi e la salvaguardia dell’ambiente. La Carta individua sei principi fondamentali per una pratica sportiva rispettosa degli altri e dell’ambiente:

Charte du sport responsable

Alla Carta hanno aderito nove federazioni sportive nazionali - pallavolo, ciclismo, calcio, equitazione, golf, tennistavolo, badminton, football americano, triathlon - che hanno fatto propri i valori in essa contenuti impegnandosi a diffonderli nelle rispettive discipline.

Sport Responsable Une initiative de GeneraliAlla Carta si affianca un sito internet, www.sport-responsable.com, dove le associazioni possono condividere e valorizzare le proprie best practice. Sul sito sono inoltre disponibili notizie continuamente aggiornate relative a iniziative, concorsi e manifestazioni sportive, sempre nell’ottica di presentare lo sport come veicolo per la diffusione di valori di impegno, rispetto e solidarietà.

Ogni anno viene organizzato il Trofeo dello Sport Responsabile, in occasione del quale una giuria di esperti seleziona e premia le associazioni più meritevoli in sei categorie che corrispondono ai principi espressi dalla Carta. I vincitori vengono premiati con un contributo finanziario che varia da 1.000 a 3.000 euro a sostegno dei progetti in atto. La premiazione avviene durante una serata in presenza di almeno uno degli ambasciatori del nostro Gruppo: Zinedine Zidane, Jean-Louis Etienne o Nicolas Lunven.

Trofeo dello Sport Responsabile