Proteggere il pianeta

Per fare bene il nostro mestiere, abbiamo imparato a calcolare i rischi, a capire l’impatto dell’imprevisto e dell’evento inaspettato, ma possibile.

Riteniamo che il deterioramento della nostra biosfera sia un rischio inaccettabile, non solo come assicuratori, ma come esseri umani.

Per questo, oltre a iniziative dirette (v. il capitolo Ambiente) ci impegniamo in attività di sensibilizzazione ed educazione in campo ambientale, per la lotta al climate change e per promuovere studi su tematiche drammaticamente sempre più attuali.

Una mongolfiera su Parigi

Il progetto Observatoire Atmosphérique in collaborazione con AIRPARIF (associazione per la sorveglianza della qualità dell’aria) e il CNRS (centro nazionale per la ricerca scientifica) costituisce il primo laboratorio urbano volante, che permette di studiare con precisione e in tempo reale, 24 ore su 24, la qualità dell’aria a 150 metri di altezza dal suolo.

È dal 2013 che una mongolfiera - laboratorio con il marchio Generali sorvola Parigi, e lo farà per altri tre anni. Le misurazioni avvengono attraverso uno strumento sviluppato dal CNRS in grado di captare le particelle ultrafini dell’aria (PM) - le più nocive - e di fornire informazioni sulla loro natura in relazione all’altitudine.

Grazie a un’apparecchiatura che raccoglie i dati e li invia al centro elaborazione dell’AIRPARIF, gli ospiti a bordo possono vedere i pittogrammi colorati che rappresentano i veicoli e i monumenti di Parigi cambiar colore a seconda del livello di inquinamento dell’aria. Un padiglione informativo completa la parte didattica dell’iniziativa.

Le scolaresche (per un totale di circa 6.000 studenti all’anno) possono salire sulla mongolfiera e visitare il padiglione gratuitamente. Nelle altre ore del giorno la mongolfiera diventa un’attrazione turistica a pagamento, che sta riscuotendo un buon interesse da parte del pubblico.

Ridare vita alle foreste

PiantineLa Slovenia è tra i Paesi europei più ricchi di foreste, che coprono quasi il 60% del territorio nazionale.

A febbraio 2014 una tormenta di neve ha causato la morte di circa metà degli alberi. Abbiamo aderito al progetto di riforestazione Let’s Restore Slovenian Forests, lanciato da Slovenia Forest Service e Scout Association of Slovenia.

Il 15 novembre 2014, volontari provenienti da tutta la Slovenia, compresi dipendenti di Generali, si sono incontrati per piantare i nuovi alberi. Rinunciando ai regali natalizi, Generali ha potuto acquistare 10.000 piantine per il progetto.

Per un turismo responsabile

Oltre 1.000 partecipantiDa cinque anni sui monti Bucegi in Romania, a 1.500 metri di altitudine, si svolge un festival dedicato alla vita all’aria aperta nel rispetto dell’ambiente. L’obiettivo è quello di promuovere il turismo in alta montagna e di educare al rispetto dell’ambiente, affinché l’attività turistica non abbia ripercussioni negative sul patrimonio naturale.

Il festival dura cinque giorni e propone attività sportive all’aria aperta - escursioni, percorsi avventura, mountain bike, arrampicate e tiro con l’arco - e concerti di gruppi musicali rumeni ed internazionali. Nell’area del festival viene organizzato un campeggio sotto gli alberi. All’edizione 2014 di Padina Fest hanno partecipato oltre 1.000 persone.

Un team di dipendenti Generali partecipa ogni anno all’evento e aiuta gli organizzatori nella pulizia dell’area dove viene costruito il palco. Inoltre sovvenzioniamo le attività di pulizia dell’area in modo che le attività di intrattenimento non compromettano l’ambiente.