Diversità e inclusione come ricchezza

Valorizziamo le nostre persone anche attraverso la promozione della diversità e di ogni processo d’inclusione che possa favorirla, perché le consideriamo entrambe preziose opportunità di arricchimento, ufficializzandole nel nostro Codice di Condotta e radicandole nei nostri Valori.

Gestiamo quindi le nostre risorse con un approccio integrato, volto a creare un ambiente di lavoro inclusivo capace di favorire l’espressione del potenziale individuale e di utilizzarlo come leva strategica per il raggiungimento degli obiettivi organizzativi.

Per governare questi processi delicati, abbiamo creato la figura del Group Chief D&I Sponsor, con la responsabilità di supportare la strategia per la diversità e la sua implementazione, e quella del Group HR D&I Officer, con il compito di definire le politiche e implementarle in tutti i Paesi in cui il Gruppo opera.

Valorizzare la diversità di genere

All’inizio del 2014 sono stati condotti dei focus group che hanno portato alla realizzazione di alcune iniziative rivolte alle donne. La prima consiste in due percorsi formativi, rivolti a target specifici dell’Head Office: il junior women e il senior women. Ogni percorso si è basato su due giornate di attività formative.

La prima giornata ha come obiettivo comune l’identificazione delle proprie aree di debolezza nei processi di interazione, favorendo l’emersione delle cause di comportamenti autolimitanti e suggerendo azioni di superamento, condividendo uno schema di lettura organizzativa con particolare riferimento alla cultura e con una specifica riflessione sulle dinamiche di genere, identificando infine l’eventuale gap tra autovalutazione e valutazione organizzativa e manageriale.

Nella seconda giornata le partecipanti junior si sono dedicate a comprendere la comunicazione di genere e a identificare i propri personali orientamenti, reagire ai feedback in modo propositivo, riconoscere e gestire le proprie emozioni. Le partecipanti senior si sono invece focalizzate sulle tematiche di genere che possono influire sul loro ruolo di gestori di risorse umane.

Alla conclusione di entrambi i percorsi formativi sono stati definiti programmi di apprendimento personalizzati.

Il secondo programma è il Women’s Mentoring Programme, avviato a Parigi a settembre 2014, che ha visto impegnate le donne appartenenti al GLG nel ruolo di mentori di colleghe di talento. Questa iniziativa offre alle donne del Gruppo con elevate competenze ed esperienze una preziosa opportunità di sviluppare e arricchire le proprie doti di leadership, in un processo di crescita e di stimolo verso obiettivi più alti ed ambiziosi: in questo senso, significativamente, il corso ha avuto l’avvio a 150 metri di altezza nei cieli di Parigi sulla mongolfiera di Generali France. Il programma è stato disegnato in modo che le persone meno esperte siano supportate da colleghe di maggiore esperienza, con l’obiettivo di creare una community in grado di contribuire a incrementare la parità di genere. Il progetto prevede una continua interazione tra partecipanti e mentori, in un ambiente non gerarchico e informale, secondo abbinamenti definiti sulla base di criteri quali diversità culturali, contesto funzionale, anzianità, e verte su processi di problem solving che permettano di superare i pregiudizi e individuare gli stereotipi di genere che impediscono la propria realizzazione.

Un patto sulle pari opportunità

In Austria, nel 2013 è stata sottoscritta la Charta der Vielfalt (carta della diversità), a dimostrazione dell’importanza che la diversità, le pari opportunità, l’integrazione e l’inclusione assumono nei confronti di tutti gli stakeholder interni ed esterni e dell’impegno quotidiano per creare un clima collaborativo di reciproca accettazione e fiducia.

La sottoscrizione definisce il pubblico impegno a riconoscere il rispetto della diversità in ogni nostra attività e a rifiutare qualsiasi tipo di discriminazione riguardante il genere, l’età, le origini o il colore della pelle, l’orientamento sessuale, la religione e le ideologie, così come le capacità fisiche e psicologiche.

In Francia si dice "he for she"

HeForShe è un grande movimento internazionale di solidarietà a favore della parità di genere, lanciato da UN Women, che incoraggia gli uomini ad agire contro le disuguaglianze affrontate dalle donne e a sostenere i loro diritti.

Con il sostegno a questa campagna, Generali France è la prima azienda francese a impegnarsi per la diversità e l’uguaglianza di genere.

L’Osservatorio sulle Donne e l’Assicurazione (un’iniziativa lanciata da Generali nel 2011 per comprendere meglio le aspettative e il ruolo delle donne rispetto ai servizi assicurativi) ha indetto una giornata dedicata alla sensibilizzazione sul tema, durante la quale è stata lanciata la campagna #HeForShe in Generali France.

L’Amministratore Delegato Eric Lombard e più di 200 dipendenti si sono fatti fotografare con il cartello #HeForShe in due sessioni fotografiche nel 2014 e nel 2015.

Nell’ambito di tale iniziativa, Generali France ha anche supportato le attività dell’associazione Horizon Mixitè presieduta da Isabelle Joschke, la navigatrice solitaria dell’imbarcazione sponsorizzata da Generali. L’associazione ha partecipato alla partenza della regata Route du Rhum e ha coinvolto 29 celebri velisti nella campagna di sensibilizzazione.

Sulle tracce di Marco Polo

Marco Polo è tra i programmi internazionali del Gruppo più longevi, dedicato alla formazione globale e all’apprendimento sul campo secondo schemi multiculturali.

Nel 2014 il programma ha coinvolto circa una quarantina di partecipanti in tre edizioni, e ha visto il coinvolgimento sia di persone impegnate in iniziative di mobilità interna sia di colleghi neoassunti all’estero.

azzurro_0.jpg