Fisco

Risorse agli Stati, risorse alla società

Il Gruppo contribuisce al bilancio di circa 60 Paesi nel mondo attraverso le imposte pagate localmente.

Al 31 dicembre 2014Utile prima delle imposte (milioni di euro)Imposte correnti (milioni di euro)Aliquota effettiva
Gruppo Generali 2.953,3 1.032,6 34,96%
Italia 2.157,3 413,7 19,18%
Francia 699,7 132,6 18,95%
Germania 702,6 208,6 29,69%
CEE 362,3 35,9 9,91%
Altri Paesi 798,9 204,8 25,64%

Al 31 dicembre 2014 l’aliquota fiscale effettiva consolidata, calcolata come rapporto tra le imposte complessivamente pagate e l’utile consolidato prima delle tasse, era pari al 34,96%, rispecchiando le aliquote sul reddito e i regolamenti vigenti in ciascuna giurisdizione. Poiché la maggior parte delle società del Gruppo opera in giurisdizioni soggette ad elevato prelievo fiscale, quali Francia, Germania e Italia, l’aliquota fiscale effettiva consolidata è alta.

Negli anni, l’aliquota ha presentato modeste variazioni: nel 2014 è risultata leggermente più alta di quella al 31 dicembre 2013, quando era stata del 31,94%.

Nel 2014, in particolare, l’aliquota fiscale effettiva consolidata ha principalmente risentito di alcuni elementi specifici: la presenza di redditi esenti da tassazione (ad esempio, la distribuzione di dividendi e plusvalenze esentasse), le imposte sostitutive previste dalla normativa italiana sulle società estere controllate (le cosiddette CFC rules) e sulla rivalutazione delle azioni Banca d’Italia, l’imposta locale sul reddito (IRAP), le spese non deducibili (ad esempio, in Germania, le imposte relative ad anni precedenti) e le rettifiche nelle imposte differite.

Riteniamo che nel prossimo futuro l’aliquota fiscale consolidata si manterrà in linea con gli anni passati, a meno di specifiche ristrutturazioni aziendali.